La Postura Corretta

Una buona postura favorisce il benessere dell’ organismo ed il fluire del Qi. Una cattiva postura provoca dolori muscolari, articolari e mal di testa.

La postura influenza anche la pratica delle arti marziali.

Una pratica sbagliata con il trascorrere del tempo e l’inesorabile invecchiare del corpo  porta a problemi osseo-muscolari e di conseguenza l’inevitabile fine della pratica della propria arte marziale.

Infatti un buon praticante di arti marziali si riconosce anche dalla qualità della sua postura.

Considerate quanto potere sia racchiuso nel semplice gesto dello stare in piedi senza tensioni muscolari: se non dobbiamo impiegare parte della nostra energia  nell’atto di stare in piedi, allora possiamo usarla sicuramente di più  nell’applicazione delle tecniche marziali.

Spesso artisti marziali anche di grande esperienza, sprecano grandi quantità di potenza perché non sanno come creare un allineamento corretto nel proprio corpo.

wing chun e postura

La figura umana è fatta per stare in piedi in un certo modo. Quindi un allineamento non corretto danneggia la qualità della tecnica marziale e con il tempo  irreversibilmente anche il corpo.

Una corretta postura permette un aumento della velocità dei passi, specialmente quando si comprende la vera natura del camminare, che spesso consiste nel cadere in avanti e riprendersi in maniera controllata.

La postura va inoltre a determinare il potere visivo e psicologico della persona. Una persona storta, gobba, scoordinata, non appare potente.

Infatti una volta abituati ad assumere la postura corretta e a lavorare con persone che fanno lo stesso, chi non è coordinato inizierà ad apparire debole.

Questo provoca tra l’altro un aumento della fiducia in se stessi perché quando qualcuno non sembra forte, per quanto grande possa essere, noi tendiamo ad averne meno paura, per non dire a non temerlo affatto.

Stare allineati è un elemento, ma bisogna essere allo stesso tempo anche come si dice nella pratica del Taijiquan stile Chen rilasciati.

Rilasciamo e facciamo scivolare verso terra le tensioni muscolari ma anche le tensioni mentali.

Questo tipo di risultato si ottiene solo con uno specifico lavoro di Neigong o Lavoro Interno, che va a sviluppare una nuova consapevolezza del movimento, un nuovo modo di percepire e usare il corpo.

Zhang Zhuang esercizio di Neigong per sviluppare la prima caratteristica del lavoro interno, La STRUTTURA

Il primo aspetto di un lavoro interno parte da una buona Struttura, senza una buona struttura non si può accedere alle fasi successive.

Per struttura si intende: allineamento della colonna vertebrale, postura, percezione dei tre archi, elasticità degli archi e anche altri elementi.

Una struttura è stabile e forte quando è elastica, mentre se è rigida è instabile.
La rigidità della struttura  è data dalle tensioni muscolari ma anche da quelle mentali, bisogna  essere forti nel rilassamento.

Il Taijiquan stile Chen inverte la naturale tendenza del corpo a irrigidirsi e dona flessibilità al praticante.

Se ci pensate i bambini hanno articolazioni flessibili, mentre  l’anziano è rigido.

Un’altro esempio che faccio spesso pensate  ai grattacieli non crollano perché sono flessibili, se fossero rigidi crollerebbero alla prima folata di vento.

Senza queste basi non c’è vero progresso o vera crescita, perchè la postura è la base di qualsiasi progetto di evoluzione fisico, energetico e mentale.

Buona Pratica.
[optin-cat id=”3038″]

Tre Gemme Taijiquan stile Chen
Taijiquan| Wing Chun | La Postura Corretta
51star1star1star1star1star

Lascia un commento