Tai Chi Chuan e Wing Chun Similitudini

Oltre al Wing Chun pratico anche Tai Chi qualcuno a volte mi domanda, ma come fai a praticare due stili diversi?

tai chi e wing chun similitudini

La domanda è lecita! chi pratica e non si pone mai domande o è all’inizio della pratica e quindi non ha ancora gli strumenti o l’esperienza per farsi un’idea propria di cosa sta facendo o è  solo un imitatore a vita di tecniche del proprio maestro.

Perché un’arte marziale essendo arte è un espressione del proprio essere, quindi due individui diversi esprimeranno in maniera diversa  la stessa arte marziale.

Però ritornando alla  domanda di inizio articolo, “Come fai a praticare due stili diversi?

Rispondo  in questo modo, è possibile fare tutto l’importante secondo me è mantenere una coerenza nella pratica, altrimenti si rischia di fare confusione con degli approcci completamente diversi che non hanno niente in comune e se il maestro che intraprende una determinata via di pratica è confuso, gli allievi lo saranno ancora di più, cosa voglio dire?

Quando decidiamo di praticare due arti marziali, bisogna capire da quale approccio culturale e sociale  provengono.

Il Wing Chun e il Tai Chi sono entrambi di origine cinese e quindi provengono dallo stesso ceppo culturale derivano tutti e due dalla filosofia Taoista.
tai chi e wing chun similitudini

Sono anche  due tipi di arti marziali che sono stati usate per l’autodifesa, lo sviluppo spirituale e fisico.

tai chi e wing chun similitudiniSe analizziamo le  due arti marziali  hanno diverse caratteristiche comuni:

  1. Hanno esercizi di sensibilità Tui Shou  per il Tai Chi e Chi Sao per il Wing Chun
  2. Entrambi sono interessati a interrompere l’equilibrio dell’avversario attaccando il suo centro di gravità.
  3. Entrambi sono appresi a tappe, passando da modelli di movimento predeterminati e cooperativi all’inizio, fino ad esercizi liberi nelle fasi più avanzate.
  4. Entrambi le discipline enfatizzano l’uso della sensibilità per “ascoltare” i movimenti del compagno di allenamento per prevederne i movimenti e applicare una tecnica sempre diversa in base alle sensazioni che ricevo dal compagno/avversario.
  5. Entrambi utilizzano una forza frustata e rilasciata priva di tensioni muscolari e mentali.
  6. L’uso della forza bruta è considerato un errore, perché comporta rigidità, in entrambi gli stili si cerca di evitare le rigidità muscolari.

Questi metodi di allenamento sono abbastanza simili sotto molti aspetti, ed è possibile praticarli insieme senza particolari difficoltà.

Ma cosa succede quando faccio un mix di concetti tra due discipline che provengono da approcci culturali completamente diversi?

A parere mio confusione, esempio non posso mescolare concetti e movimenti del Tai Chi (origine cinese) con altre discipline/filosofie che non hanno niente in comune, perché si sono sviluppate in un altro contesto geografico e socio-culturale.

Poi è possibile fare tutto,  ma meglio cambiare nome della nuova disciplina,  chiamandola in modo diverso, per una questione di correttezza verso gli allievi che pensano di praticare una cosa e invece fanno altro, ma soprattutto per una questione di  coerenza verso se stessi.

Le arti marziali cinesi sono così belle e interessanti senza bisogno di integrare elementi estranei esterni, anzi è nostro dovere preservarne i principi.

Esame Quinto Grado Superiore (5PG) Wing Chun Kung Fu

Non parlo mai di gradi o cinture, ma questa volta farò un’eccezione, perché non si tratta di un semplice passaggio di grado, ma del riconoscimento di una vita fatta di sacrifici e dedizione allo studio delle arti marziali.

A fine 2017 ho superato l’esame da Quinto Grado  Superiore (5PG), equivalente alla cintura nera 5 Dan secondo lo standard internazionale delle Arti Marziali.

G.M. Cheng Chuen Fun e G.M. Allan Fong alla consegna del diploma da Quinto Grado Superiore (5PG) a Sifu Carlo Rossi.

L’esame riguardava l’intero programma a mani nude del Wing Chun Kung Fu e la forma Luk Dim Boon Kwan (bastone lungo).

Ho avuto l’onore di essere stato esaminato da Grand Master Allan Fong e Grand Master Cheng Chuen Fun entrambi Decimi Gradi Superiori (10 M.O.C) del sistema Leung Ting, maestri di fama internazionale che hanno fatto la storia di questo stile.

Ringrazio il maestro  Sifu Pietro N. Roselli Lorenzini per avermi preparato Tecnicamente e Mentalmente, senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile.
Grazie ai suoi insegnamenti e alla sua disponibilità mi ha aiutato a crescere come praticante e come persona,  facendomi capire e assaporare le profondità del Wing Chun come mai nessuno prima.

Foto Tradizionale: Sigung Allan Fong, Sifu Pietro N.Roselli Lorenzini e Sifu Carlo Rossi
GM Allan Fong, GM Cheng Chuen Fun, Sifu Pietro N.Roselli Lorenzini e Sifu Carlo Rossi

Scopri il Segreto per Diventare Forte e Sana

Qual è il segreto per diventare Forte e Sana?

È semplice, prendere la decisione di iniziare a praticare un’arte marziale adatta alle donne, dove non si enfatizza l’uso della forza fisica come nel Wing Chun Tre Gemme o nel Taijiquan stile Chen.

donne e arti marziali
Tecnica Fak Sao del Wing Chun

Poi abbinare la pratica a una buona dieta, ad un riposo adeguato e sarai sulla buona strada.

In più, sarai in grado di  difenderti, imparando un’attività veramente utile per te stessa.

Ci sono tante attività che oggi possiamo fare!
Tante sono le mode del momento, ma ricorda le arti marziali non sono una moda,  perché si sono evolute di pari passo insieme all’uomo nel corso della storia.

Proprio per questo le arti marziali sono una delle poche attività, che sviluppano una trasformazione positiva nell’animo della persona che le pratica.

All’inizio, potrebbe essere strano per voi donne iscriversi ad un corso di  arti marziali,  in un ambiente dove la maggior parte delle persone  sono uomini,  ma una volta superato ciò, prometto che otterrai una serie di benefici oltre a diventare forte e sana.

Sette incredibili motivi per cui le Donne dovrebbero praticare Arti Marziali

  1. Ti insegna L’Autodifesa,

    per le donne, apprendere l’arte dell’autodifesa può essere un’esperienza che cambia la vita perché aumenta la fiducia, la conoscenza e la determinazione di se stessa.

    donna e arti marziali
    Scena di Violenza Domestica

    È una sensazione di potere sapere che puoi difenderti.
    Anche se forse vivi in uno dei paesi più sicuri al mondo, non dovresti darlo per scontato, perché non sai mai quando potresti trovarti in pericolo.

    L’allenamento delle arti marziali ti aiuterà ad acquisire le abilità necessarie per proteggerti e ti sentirai più a tuo agio a rincasare la sera.

    Inoltre, avrai più tranquillità quando viaggi in altre parti del mondo perché saprai che puoi difenderti se la situazione lo richiede.

  2. Costruisce la tua Fiducia

    Quando ti alleni regolarmente e ti trovi a migliorare, acquisisci sicurezza come un vero combattente.L’allenamento delle arti marziali ti porta ad interagire con il  maestro e gli altri compagni del corso.
    donna e arti marziali

    Questo ti aiuterà a sviluppare importanti abilità sociali e ti darà la sicurezza di socializzare e comunicare meglio con persone diverse.

     

  3. Ti aiuta a metterti in Forma

    Oltre ad una migliore forma fisica, le arti marziali ti insegneranno a colpire la paura direttamente in faccia.
    donna e arti marziali
    Man mano che diventi più forte sia fisicamente che mentalmente durante il tuo viaggio di apprendistato nelle arti marziali, noterai che ti stai allenando in un modo che non avresti  mai ritenuto possibile per te stessa.Ciò ti aiuterà molto nella vita quotidiana, perché imparerai ad abbracciare le sfide che la vita ti mette davanti.

     

  4. Ti permette di conoscere Nuovi Amici

    divertirsi in un ambiente sano, sereno, senza invidie o altre cattive energie è il punto di partenza per ogni sviluppo fisico, mentale  o spirituale.
    donna e arti marziali

  5. Sviluppare Forza Mentale

    La perseveranza è una delle più grandi qualità che coltiverai praticando arti marziali.Come artista marziale, imparerai a rialzarti da ogni caduta e continuerai a provare finché non riuscirai ad eseguire quel determinato esercizio o tecnica.Questa perseveranza non ti aiuterà solo per imparare l’arte marziale, ma anche nella vita quotidiana quando affronterai i vari ostacoli.
    donna e arti marziali
    Le arti marziali sono in definitiva un infinito percorso di auto-miglioramento, quindi continuerai a sforzarti di essere la migliore versione di te stessa.
    [optin-cat id=”3038″]

  6. Ti insegna a volerti Bene

    Poiché il tuo corpo è sia la tua arma che l’armatura, allenarti regolarmente ti insegnerà a rispettarlo e trattarlo bene.

    Ciò significa che imparerai a condurre uno stile di vita più sano,  a riposarti di più  e ad alimentarti meglio.
    Quando  queste buone abitudini diventeranno parte di te, diventerai lentamente una macchina da combattimento snella e cattiva.

     

  7. Ti aiuta a diventare una persona più Felice

    Un’intensa lezione di arti marziali aumenterà le tue endorfine in modo da poter alleviare tutte le preoccupazioni.
    donna e arti marziali
    È una situazione vantaggiosa per te, perché ti sentirai benissimo mentre ti rimetterai in forma!Inoltre, la felicità che senti quando raggiungi i tuoi obiettivi che si tratti di padroneggiare quella nuova tecnica o prendere  la tua prima cintura  è semplicemente indescrivibile.

    Sei pronta ad evolvere nella versione più forte e più sana di te stessa?

Tai Chi Chuan Versilia

taichichuan-versiliaTaijiquan o taichichuan o tai chi chuan, abbreviato taiji o taichi o tai-chi, tante sono le traslitterazioni del Taijiquan, che stanno ad indicare la stessa disciplina.

Sono molte  le trascrizioni dei caratteri cinesi in caratteri latini  in uso nel passato.

Attualmente quello usato è il sistema denominato pinyin, introdotto nel 1958 dalla Repubblica Popolare Cinese ed ora di uso comune in tutto il mondo.

In pinyin la trascrizione corretta della nostra parola è taijiquan, quindi impariamo a usare la parola taijiquan.

Nella nostro sito  dedicata ai corsi di taijiquan abbiamo usato anche altre trascrizioni diverse da taijiquan  perché  molte persone inseriscono nei motori di ricerca tali descrizioni.

per maggiori Informazioni sui corsi consultare taichichuan-versilia

Wing Chun Forme

Le Forme collegano il moderno praticante di Wing Chun Kung Fu con le testimonianze che vecchi maestri hanno lasciato per i loro successori.

Nelle Forme del Wing Chun ogni movimento ha un proprio “codice di traduzione“. E’ attraverso questo codice di traduzione che il maestro introdurrà l’allievo alla pratica.

Senza questa “chiave di lettura” chiunque potrebbe essere in grado di imitare in maniera grossolana il movimento ma, non comprendendolo non sarà in grado di applicarlo e capirne il significato.

Sarebbe come imitare una lingua straniera senza avere la capacità di comprendere ciò che si dice. Nel nostro corso di Wing Chun Nei Jia i praticanti vengono istruiti alla pratica e allo studio delle forme.

L’importanza dello Studio delle Forme del Wing Chun

Il Wing Chun Kung Fu insegna forme caratterizzate da movimenti millenari, che raffigurano il messaggio degli antichi maestri.
Allo stesso tempo rappresentano un trattato di movimenti, che mettono in evidenza un insieme di posture e sequenze tecniche, in relazione ad uno o più specifiche applicazioni.

Le forme aiutano il praticante a comprendere meglio l’interazione tra mente (relazione tra pensiero, emozione reazione) e corpo (sinergia braccia, tronco, gambe).

Con questo allenamento l’allievo impara ad osservare, sentire, percepire se stesso e lo spazio circostante.

Inoltre questo studio è fondamentale per creare i giusti requisiti tecnico-pratici per la pratica a coppia.

Il praticante imparerà ad utilizzare questi movimenti per schermare e proteggere il corpo durante una fase di combattimento.

Lasciar andare i pensieri è una delle cose più importanti che si impara durante l’esecuzione delle forme; l’autodisciplina è indubbiamente la più grande sfida perché aiuta il praticante a formarsi ripetendo i movimenti continuamente in maniera autonoma.

Nel Wing Chun sono presenti 6 forme e ognuna mette a fuoco un particolare punto nell’allenamento dell’allievo.

Wing Chun Forme: La Prima Forma

Lo studio del Wing Chun Kung Fu può essere paragonato ad un viaggio. Il punto di partenza di questo affascinante percorso avviene dal tempio della Siu Lim tao o Siu Nim Tao (Prima Forma). Qui è dove il praticante imparerà a ricercare all’interno del suo corpo e della sua mente l’equilibrio e il mind-set che sono necessari per lo studio di questo stile.
La pratica della Siu Nim Tau rappresenta la ricerca di sé stessi e la costruzione delle tecniche base che delimitano i confini del nostro corpo. La sua pratica ed esecuzione ci fornisce una piccola idea di questo stile di Kung Fu.

Wing Chun Forme: La Seconda Forma

Successivamente la ricerca si proietterà oltre e si dirigerà verso la Cham Kiu (Seconda Forma). Questa è la forma che collega il praticante con un altro individuo attraverso il simbolo del ponte.
Anche questa tappa ha i suoi programmi specifici come il Chi Sau base, le 7 Accademiche e Mezzo di Chi Sau, il Nuk Sau (applicazioni e combinazioni di movimenti) ed il Lat Sau (combattimento libero).
L’obiettivo di questo livello è quello di portare il praticante, grazie anche alle Accademiche di Chi Sau, a sviluppare delle abilità in grado di eludere la  forza dell’avversario. Lo scopo è avere la possibilità di trovare una linea di attacco più vantaggiosa per colpire, per fare una leva o una proiezione.
Per poter difendere o attaccare, però, dobbiamo imparare ad ascoltare il nostro corpo e le nostre emozioni.
Il fine ultimo di questo piccolo punto di arrivo non è quello di aver imparato un numero di Accademiche di Chi Sau. Invece è la capacità di essere diventati più spontanei ed adattabili attraverso una intelligenza corporea, creata dalla comprensione della Siu Nim Tau, della Cham Kiu e dalla fusione delle 7 Accademiche e mezzo di Chi Sau.

Wing Chun Forme: La Terza Forma

Nel video ci sono anche sequenze di Biu Jee terza forma

Lo studio della Biu Jee (Terza Forma) e quindi dei suoi programmi, prevede la comprensione teorico e pratica di tutti i concetti relativi alla terza forma e alle sue 10 Accademiche di Biu ji Chi Sau.

L’obiettivo di questo livello è di ridurre nettamente le distanze di lavoro e adattare il corpo a questa nuova distanza. Il tuo corpo si adatterà attraverso tecniche di contrazione ed espansione maggiori rispetto a quelle che si sono analizzate nei livelli precedentemente studiati.

La motivazione di ciò è dovuta non soltanto al cambiamento delle distanze, ma anche alla differenza di energia impiegata ed alla capacità di percezione dei volumi del combattimento.

Tutto questo conduce il praticante ad un nuovo “stile” di Chi Sau chiamato Biu ji Chi Sau.

In questo stile, grazie anche all’unione con gli studi precedenti (prima e seconda forma), il praticante raggiungerà la capacità di ridurre ed espandere il proprio Chi Sau, passando in continuazione dalle dinamiche della Sfera relative alla prima e seconda forma a quelle dell’Ellisse relative alla terza forma e viceversa.

Di conseguenza le sue capacità motorie di adattamento saranno rivoluzionate in modo da renderle più funzionali in base alle varie dimensioni e volumi del combattimento che si troverà ad affrontare.

Nella Biu ji i movimenti  sono articolarmente più complessi. E’ quindi necessario preparare fisicamente il corpo al suo studio, con adeguati esercizi di Nei Gong mirati a sviluppare l’energia a frusta.

Wing Chun Forme: Quarta Forma Muk Yan Jong (“Uomo di Legno”).

L’obiettivo delle didattiche relative a questa forma, è fondere i principi precedentemente studiati ed analizzati nelle prime tre forme Siu Nim Tau, Cham Kiu e Biu ji, nel Chi Sau, nel Kwo Sau, nel Lat Sau e sintetizzarli in unica forma. La fusione di questi concetti rappresenta l’integrazione di tutti i principi precedentemente studiati. Per questo motivo la sua esecuzione è più difficile da eseguire e da comprendere. La condensazione di tutti questi principi in un’unica forma genera la massima espressione del Wing Chun a mani nude.

Wing Chun Forme: Quinta e Sesta Forma e Studio delle Armi

Oltre alle 4 forme appena descritte,  nel Wing Chun è presente lo studio delle armi.

  • La quinta forma si chiama Luk Dim Bun Gwan e prevede l’utilizzo del Bastone lungo.
  • La sesta forma è chiamata Bart Cham Dao e prevede l’utilizzo dei Doppi coltelli a Farfalla. (chiamati Wu Dip Dou )

Le abilità apprese dallo studio delle armi, non si riducono solo all’utilizzo del Luk Dim Bun Gwan e dei Wu Dip Dou. Infatti il praticante esperto può utilizzare il tema di lavoro acquisito anche nel mani nude. Con lo studio dei doppi coltelli a farfalla il praticante termina i programmi di apprendimento del Wing Chun Kung Fu. E’ proprio da questo punto che inizia il cammino più importante: percorrere nuovamente il Wing Chun dalle sue radici, dove sarà l’esperienza acquisita e una consapevolezza maggiore a permettere al praticante un’analisi ed una sintesi maggiore dei principi Wing Chun. Questa è la strada per creare nel praticante una capacità di adattamento in contesti e condizioni diverse.