Nei Jia l’allenamento “segreto” delle Arti Marziali

  1. Le tecniche marziali non hanno bisogno di forza fisica, questo permette anche alle persone non molto forti,  di trovare una pratica adatta a tutti, senza distinzioni di sesso, età e atleticità.
  2. La pratica sviluppa un corpo più elastico, in salute e con movimenti armonici, con notevoli miglioramenti nella vita di tutti i giorni.
  3. Si diventa concretamente più equilibrati.
  4. Tanti altri Benefici e Sensazioni che la pratica ci mostrerà, ma già i primi tre punti penso che siano più che sufficienti, per saperne di più.

Cosa significa “Nei Jia”?

Nei Jia, sta ad indicare tutti quegli aspetti: spirituali, mentali o correlati al Qi (energia interna), derivanti dalla millenaria tradizione marziale cinese.

Il metodo Nei Jia, cambia il “motore” interno delle tecniche, si può fare una tecnica marziale, con il metodo interno Nei Jia e con il metodo esterno più muscolare.

A livello visivo dell’esecuzione cambia poco e nulla, anche se i movimenti con il metodo interno saranno più fluidi, naturali e armonici.
Per questo motivo si può applicare il lavoro interno del Nei Jia, a qualsiasi arte marziale.

Differenza tra Metodo Interno “Nei Jia” e Metodo Esterno

Esistono molti stili di Arti Marziali, metodi di Difesa Personale e Sistemi di Combattimento, e di conseguenza una infinità di tecniche marziali.
Ma per quanto queste tecniche possono essere diverse e molto efficaci, una cosa è sempre uguale, cioè per far funzionare una tecnica bisogna essere più forti e più veloci dell’avversario.
Questo appena descritto è il Wai jia ,metodo “esterno”.

L’allenamento nel “Nei Jia” detto metodo “interno”, non punta a incrementare la forza muscolare, per esempio allenandosi con i “pesi” o con estenuanti circuiti di allenamento “Circuit Training” che mettono a dura prova la resistenza fisica, ma punta su altri aspetti di natura più sottile.

L’allenamento Nei Jia si basa su altri principi come:

  1. Song che significa rilassamento del corpo e della mente.
  2. Corpo Connesso
  3. Pieno e Vuoto (Yin-yang)
  4. Movimenti che partono dal centro (Dan Tien)
  5. Movimento della Forza a Spirale.
  6. Emissione di forza rilasciata.
  7. E altri concetti…

Questi concetti sviluppano una nuova coscienza del movimento, dove lo scopo non è più fare una tecnica anziché un’altra, ma è quello di avere un corpo che si muove nel modo più naturale possibile (concetto del Wu Wei), ma con Reattività, Velocità e Forza rilasciata.

Vantaggi sulla salute del metodo Nei Jia

Il metodo “Neija” prende in considerazioni oltre agli aspetti marziali anche quelli salutari, spesso ignorati e non considerati importanti specialmente dai più giovani, che pensano solo all’efficacia marziale.

In realtà tutte le arti marziali hanno il potenziale per essere efficaci, ma quello che spesso “invalida” l’arte marziale, rendendola poco efficace è il modo di come si usa il corpo nella pratica della propria disciplina.
Spesso non ci si rende conto che se un’arte marziale non “funziona”, è dovuto alla mancanza di questa presa di coscienza.

Per esempio, prendiamo in esame la postura, e consideriamo quanto sia sottovalutato stare in piedi senza tensioni muscolari.

Una persona con una postura “non allineata” e con tensioni muscolari, anche se conoscerà una tecnica “avanzata”, la sua esecuzione non potrà essere realmente efficace o almeno non eseguita al massimo del suo potenziale, perché parte dell’energia sarà dispersa, per mantenere la postura sbagliata che crea tensioni.

La medicina tradizionale cinese ci dice: che dove sono presenti tensioni nel corpo, si manifesteranno blocchi energetici, che ostacoleranno il naturale scorrere del QI (Energia), con il passare del tempo in quei punti è molto probabile compariranno in ordine prima disagi e fastidi, poi dolori, e infine problemi più seri.

Ogni attività “sana” sia: fisica, meditativa, spirituale, ma anche marziale inizia dallo sviluppo di una buona postura, perché se risparmio energia nell’atto di stare in piedi, allora posso usarne sicuramente di più per fare altro, come nell’esecuzione di una tecnica.

Tutto è collegato, ecco perché è fondamentale concentrarsi sull’uso corretto del corpo e non solo sul conoscere le tecniche.

Sono tanti i segnali che ci invia il corpo, per avvertirci di una pratica sbagliata.
Esempio se le spalle sono doloranti, se la schiena è tormentata cronicamente da dolori, se le ginocchia ci fanno male significa che c’è un uso scorretto del corpo, che rende inefficace qualsiasi arte marziale.
Questo modo scorretto di concepire le arti marziali, porta al risultato che molti praticanti specialmente di vecchia data, si ritrovano un corpo talmente rigido e contratto, da risentire nel tempo malesseri e dolori.

Per alleviarli, i più cauti e consapevoli tentano di praticare parallelamente alla propria arte marziale Yoga o altri metodi simili, che permettono di rilassarsi durante gli allenamenti.
Le due pratiche restano separate, di conseguenza non si avanza più nell’arte marziale perché, si tratta di una incollatura delle due discipline e non di una fusione.

Le arti marziali e tutti gli sport vanno praticati in modo consapevole, cioè con una ben precisa consapevolezza del proprio corpo.
Chi non ha sviIuppato nel tempo, questa consapevolezza nei suoi allenamenti, prima o poi ne pagherà le conseguenze.

Esempio di tecnica eseguita in modo scorretto, che causa gravi danni alle ginocchia (non fatelo a casa).

Infatti un gran numero di artisti marziali o sportivi dei più comuni sport, soffrono di traumi postumi accumulati nelle attività giovanili, perché hanno praticato “male” ai tempi di quando si sentivano “forti”, le conseguenze possono essere diverse da persona a persona, come squilibri nella muscolatura o deformazioni nella colonna vertebrale, sovraccaricamenti eccessivi sulle articolazioni con conseguente danneggiamento.

Infatti tranne qualche eccezione, la pratica delle arti marziali spesso sfocia in un vicolo cieco, quando si raggiunge l’età matura.
Con il declino della forza fisica il livello stagna poi si abbassa, dei “dolori” troppo fastidiosi e invalidanti per la pratica corretta, appaiono alla schiena e alle articolazioni, poi segue l’abbandono.

Invece, grazie al metodo interno Nei Jia , il livello del praticante continua a progredire anche nell’età avanzata ed è più facile “convivere” e tenere sotto controllo i piccoli problemi fisici che ognuno di noi ha.
Perché il metodo “Nei Jia”, propone un lavoro che non va ad “usurare” il corpo con posizioni non fisiologiche per l’essere umano, mantiene un corpo privo di tensioni, ma anche perché permette di aumentare capacità, che non dipendono dalla forza fisica.

Ricercando nella tradizione delle antiche arti marziali, è possibile concretizzare l’immagine leggendaria del vecchio maestro, la cui progressione continua per tutta la durata della vita.

Nella scuola Tre Gemme l’arte marziale non è nulla al di fuori di una pratica globale e coerente, a lungo termine.
Spero che tutto questo porti a una riflessione e apra delle prospettive di rinnovamento, per chi trova interessante gli aspetti trattati in questo articolo.

Chi Sao Wing Chun

💥In questo video ti mostro l’esercizio del Chisao del Wing Chun Kung Fu così come è praticato nella scuola Tre Gemme, le caratteristiche principali sono la Fluidità, l’Elasticità e il Rilasciamento.

Fluido come l’Acqua.
Elastico come la Gomma.
Rilasciati senza tensioni psico-fisiche, perchè la vera forza si manifesta con il rilasciamento e non con la contrazione muscolare, il rilasciamento è importante anche per chi pratica per fini salutari.

💁‍♂Queste caratteristiche si ottengono solo con un preciso Lavoro Interno di Nei Gong, in grado di far acquisire una nuova coscienza del movimento e più consapevolezza.
👉Per maggiori INFO https://www.tregemme.it/

Le Arti Marziali sono solo allenamento fisico?

La pratica delle arti marziali di solito consiste in molto allenamento fisico ed esecuzione di schemi tecnici.

Per i primi anni può andare anche bene questa modalità di allenamento, ma poi si corre il rischio di finire intrappolati in una pratica noiosa perché troppo schematica e poco stimolante.

Ma la cosa più importante è, questi schemi cosa fanno allenare oltre alla sequenza dello schema? il più delle volte è nient’altro che lo schema.
Gli esercizi in una pratica completa a mio modo di vedere, devono partire dal conoscere se stessi, cioè come il corpo umano si muove, come si muovono le energie e la mente.

Lavorando in questo modo, cambiando il nucleo del movimento, stilisticamente farò sempre la stessa tecnica, ma questa assumerà una espressione più funzionale e più armonica rispetto a prima e siccome lavoro su me stesso sarà molto più interessante e stimolante la pratica dei vari esercizi.

Ma la cosa più importante è che qualsiasi sia l’arte marziale praticata, se lavoro in questa modalità l’arte marziale sarà plasmata in base alle caratteristiche del proprio carattere e non il contrario, non c’è un Wing Chun uguale per tutti, un Karate uguale per tutti o un Taiji uguale per tutti, ecc..
Perché ognuno di noi è diverso e dell’arte marziale deve fare la propria arte e non essere la copia del proprio insegnante.

Ognuno nella propria pratica deve esaltare le proprie caratteristiche personali sia che siano buone o cattive, perché il risultato sarà ugualmente positivo.

È un ritorno all’essenzialità! ma per abbracciare questo tipo di pratica, tutto deve nascere da un senso di insoddisfazione, faccio qualche esempio: uno deve essere stufo di una pratica basata principalmente sull’utilizzo di forza muscolare o basata esclusivamente alla ricerca maniacale dell‘efficacia a tutti i costi, oppure bisogna essere stufi di avere quei continui dolori muscolari o articolari mentre eseguo un allenamento, ma anche essere stufi di usurare il corpo con allenamenti fisici troppo intensi, il percorso didattico della scuola Tre Gemme in questo caso può essere una luce, in una strada buia e poco conosciuta.

Perché se non si avverte la necessità di cambiare, restare sulla vecchia strada è sempre troppo più comodo per la nostra mente, perché il cambiamento richiede sacrificio.

Sifu Carlo

Vantaggi delle Arti Marziali su altri Sport

Pur avendo praticato molti altri sport principali, io non ho dubbi, vi consiglio un’arte marziale e in particolare un corso di Kung Fu.
Uno strumento grazie al quale intervenire non solo sul corpo, ma anche sulla nostra mente, sulla sicurezza in se stessi e su molti altri aspetti legati al nostro essere.

Imparare a padroneggiare il nostro sistema Wing Chun Tre Gemme, può aiutare anche la persona più timorosa a migliorare se stessa e a volerne sapere sempre di più.

Esistono molti metodi di insegnamento delle arti marziali, ma quello della nostra scuola, potendosi sviluppare con un programma didattico progressivo, sarà in grado di adattarsi anche ai principianti, portandoli, passo dopo passo, a gestire il corpo, la mente e il respiro nel modo più corretto.

Che cos’è il nostro sistema?

Può essere visto come un vero e proprio sistema di autodifesa, che però non si basa sulla mera forza fisica, come accade per altri sistemi.

Ad esempio, nelle tecniche si insegna all’allievo ad utilizzare la forza espressa dall’avversario contro di lui, e non ci si basa su quelli che possono essere passaggi “spettacolari” o acrobatici, ma sulla propria capacità di gestire il corpo.

Il WCTG, quindi, a differenza di altre arti marziali, è straordinario nella sua semplicità e può aiutare anche gli allievi che siano meno “atletici” a migliorare in poco tempo.

Che cosa può fare il nostro sistema per te?

Forse sei arrivato a leggere questo articolo perché stai cercando un nuovo metodo per imparare a difenderti, oppure perché, semplicemente, vuoi allenarti e migliorare il tuo corpo.

Sappi che il nostro sistema ha moltissimi aspetti ed effetti positivi su chi lo pratica, e tra questi si possono annoverare i seguenti:

  • Miglioramento della forma fisica

Non andrai a creare una muscolatura ipertrofica, ma inutile, ma invece potrai vedere un aumento progressivo della vera forza fisica interna, quella che ti consentirà di sentirti bene nella vita di tutti i giorni.

Non sarai afflitto da dolori per il fatto di aver agito contro la tua fisicità, mentre potrai apprezzare quanto il tuo corpo sarà in grado di fare.

Il tuo fisico, quindi, lezione dopo lezione migliorerà e ti consentirà di fare sempre di più.

  • Miglioramento dell’agilità

L’agilità è fondamentale per mantenere intatti nel tempo elementi come la risposta alle sollecitazioni, e la capacità di agire seguendo i propri riflessi.

Negli allenamenti con un metodo appositamente studiato della nostra scuola, si allenerà molto l’agilità, consentendoti di migliorarla notevolmente.

  • Miglioramento e mantenimento della mobilità articolare

La mobilità articolare è essenziale soprattutto per chi non sia proprio giovanissimo.

Mantenere in buono stato le articolazioni ti darà la possibilità di sentirti bene, anche se hai superato i cinquant’anni, e di tornare “indietro nel tempo” ricominciando a poter svolgere tutta una serie di attività che, forse, avevi lasciato da parte.

  • Miglioramento della postura

Avere una postura corretta è molto importante, ad ogni età, perché evita i problemi alla schiena e anche agli arti.

Con il nostro metodo potrai sicuramente assumere una postura corretta sia durante le lezioni, sia nella vita di tutti i giorni.

  • Miglioramento della salute

Sai bene che l’attività fisica si trova alla base del paradigma della buona salute. Ma quale attività fisica può andare bene? Sicuramente un tipo di moto che sia per te piacevole, coinvolgente e divertente, e che ti consenta di allenare tutto il corpo senza stressarlo.

Ecco perché quest’arte marziale ti potrà aiutare anche sotto questo fondamentale aspetto.

  • Miglioramento dell’autostima

Ti abbiamo indicato come il nostro sistema di Wing Chun Tre Gemme sia nato come arte marziale dedicata all’autodifesa.

Sapere di avere la possibilità di difenderti, anche in una situazione critica, aumenterà la tua autostima, rendendoti più sicuro sempre.

Inoltre, imparerai quanto il tuo corpo sia straordinario, e quanto esso possa superare se stesso senza problemi.

  • Aumento della consapevolezza

Avere la massima consapevolezza di corpo e mente è davvero utile, soprattutto perché tale consapevolezza ti darà una mano ad utilizzare le tue risorse al meglio.

Saprai capire quanto sei forte, agile, brillante, e non vorrai più abbandonare gli allenamenti.

  • Equilibrio psicofisico

Grazie all’aumento della tua autostima, e della tua consapevolezza, sarai in grado di essere più equilibrato.

Non avrai più reazioni esagerate e saprai affrontare le piccole difficoltà quotidiane con un nuovo atteggiamento, calmo, razionale e “intelligente”.

  • Centratura spirituale

Riuscirai a comprendere meglio te stesso e saprai espandere questa tua nuova “Aura” attorno a te, migliorando anche le tue relazioni con gli altri.

“Compilando il modulo che si aprirà premendo il pulsante, riceverai maggiori informazioni sul corso e potrai confermare successivamente la tua presenza alla Lezione Introduttiva.”